FINA e Swiss Aquatics festeggiano insieme a Myrtha Pools il nuovo centro acquatico della Vaudoise Arena

Come inaugurare il più grande centro acquatico di tutta la Svizzera e sicuramente il più moderno? Myrtha Pools ha scelto di farlo insieme a FINA e Swiss Aquatics durante la 24h di nuoto promossa da Lausanne Natation, un evento molto sentito nella capitale olimpica. L’azienda italiana è fiera di aver contribuito alla raccolta fondi per i bambini e i ragazzi guariti dal cancro e di vedere come le piscine Myrtha del nuovo centro acquatico servano per promuovere eventi benefici legati al nuoto ed alle varie discipline acquatiche. Grazie a piscine omologate per le competizioni, la Vaudoise Arena è la sede perfetta per gli allenamenti di atleti elvetici. Come è stato sottolineato nel discorso di apertura da

Roberto Colletto, CEO of Myrtha Pools: “Sono molto contento di essere qui a Losanna, la città dello sport, per la raccolta fondi della 24h di nuoto in questo bellissimo centro. Voglio ringraziare tutto il team e gli stakeholders che hanno reso possibile la realizzazione di questo splendido complesso acquatico, una delle più grandi di tutta la Svizzera e sicuramente la più all’avanguardia. Sono felice di celebrare questo centro con due partner come FINA e Swiss Aquatics: grazie per il vostro supporto. E parlando del centro acquatico della Vaudoise Arena, per noi è un faro, un modello, un esempio. Grazie al progetto dello studio di architettura Pont 12 è un esempio di bellezza e di funzionalità, un modello che combina il meglio delle tecnologie acquatiche in quanto a piscine e accessori non solo per atleti di alto livello, ma anche per i cittadini di Losanna e dintorni”. Un messaggio chiaro, rafforzato dalla presenza della federazione internazionale di nuoto (FINA) che ha voluto essere presente per testimoniare l’importanza del nuovo centro acquatico svizzero. A rappresentare la FINA, di cui Myrtha Pools è partner dal 2009, James Moy, direttore marketing: “La FINA – ha detto James – è lieta di supportare uno dei nostri global partner più longevi nell’installazione di un centro acquatico esemplare: piscine che saranno un nuovo asset su cui contare per la città di Losanna – patria del quartier generale della FINA – e di tutta la regione. Inoltre, è bello vedere queste nuove piscine ospitare un evento benefico così importante come la 24 ore di nuoto promossa da Léman Hope e da Lausanne Aquatique”.

Complici la presenza di campioni come il nuotatore Jérémy Desplanches che ha nuotato alcune vasche (facendo segnare il miglior tempo) e l’esibizione dei tuffatori della nazionale svizzera, è stato battuto ogni record delle precedenti 36 edizioni e sono stati raccolti 3.354 franchi svizzeri – grazie ai 3.354km nuotati dai partecipanti – per finanziare l’iniziativa in favore di giovani guariti dal cancro. Ben 1.200 nuotatori si sono tuffati nella nuova piscina Myrtha della Vaudoise Arena e ci piace pensare che un pizzico di questo record dipenda anche dalla voglia di nuotare nelle piscine dei campioni.