XV FINA World Swimming Championships (25m)

Abu Dhabi

I campionati mondiali di nuoto in vasca corta 2021 di Abu Dhabi hanno suggellato il ritorno ai Mondiali di nuoto in presenza e il rinnovo della partnership tra FINA e Myrtha Pools fino al 2025.
6 giorni e 44 gare nella famosa Etihad Arena che sorge di fronte al lungomare della Yas Bay. Premiata con il prestigioso MENA green Building Award nel 2018, l’Etihad Arena è stata trasformata da Myrtha Pools in un centro acquatico perfetto per ospitare i Mondiali in vasca corta con i suoi 1.500 atleti provenienti da 175 paesi.

L’azienda italiana in pochi giorni è riuscita nell’impresa di installare una piscina da competizione di 25m e una piscina da warm-up. Un successo anche dal punto di vista della sostenibilità, grazie all’esclusiva tecnologia a pannelli modulari in acciaio di Myrtha Pools. Un sistema che unisce all’ingegneria di precisione, la possibilità di essere smontato e reinstallato per altri eventi temporanei o in strutture permanenti e promuovere così lo sviluppo del movimento del nuoto nei paesi ospitanti.

 

Al termine dei Campionati Mondiali FINA in vasca corta i record sono stati 4. Oltre al record nei 200m stile libero di Siobhan Haughey – eletta miglior atleta femminile della competizione – sono arrivati altri tre record mondiali.
Grazie alla precisione della piscina installata in soli 7 giorni tutti i record sono stati certificati.
Sono quindi 150 i record mondiali raggiunti in una piscina Myrtha. Numeri che rappresentano la storia e l’affidabilità di chi progetta e realizza le piscine dei campioni.

I campionati mondiali di nuoto in vasca corta 2021 di Abu Dhabi hanno suggellato il ritorno ai Mondiali di nuoto in presenza e il rinnovo della partnership tra FINA e Myrtha Pools fino al 2025.
6 giorni e 44 gare nella famosa Etihad Arena che sorge di fronte al lungomare della Yas Bay. Premiata con il prestigioso MENA green Building Award nel 2018, l’Etihad Arena è stata trasformata da Myrtha Pools in un centro acquatico perfetto per ospitare i Mondiali in vasca corta con i suoi 1.500 atleti provenienti da 175 paesi.
L’azienda italiana in pochi giorni è riuscita nell’impresa di installare una piscina da competizione di 25m e una piscina da warm-up.

Un successo anche dal punto di vista della sostenibilità, grazie all’esclusiva tecnologia a pannelli modulari in acciaio di Myrtha Pools. Un sistema che unisce all’ingegneria di precisione, la possibilità di essere smontato e reinstallato per altri eventi temporanei o in strutture permanenti e promuovere così lo sviluppo del movimento del nuoto nei paesi ospitanti.

Al termine dei Campionati Mondiali FINA in vasca corta i record sono stati 4. Oltre al record nei 200m stile libero di Siobhan Haughey – eletta miglior atleta femminile della competizione – sono arrivati altri tre record mondiali.
Grazie alla precisione della piscina installata in soli 7 giorni tutti i record sono stati certificati.
Sono quindi 150 i record mondiali raggiunti in una piscina Myrtha. Numeri che rappresentano la storia e l’affidabilità di chi progetta e realizza le piscine dei campioni.