Ricerca e innovazione

Il miglioramento continuo e la costante ricerca e innovazione sono obiettivi da sempre sostenuti da Myrtha Pools. Nel tempo, hanno portato al raggiungimento di importanti risultati.

 

La ricerca e l’innovazione sono all’ordine del giorno e riguardano non solo il prodotto finale e tutti i suoi accessori ma anche tutto ciò che riguarda i processi aziendali, i software, l’organizzazione e la formazione delle competenze aziendali che si devono muovere di pari passo con le esigenze di clienti, progettazione e mercati sempre in continua evoluzione.

Il miglioramento continuo e la costante ricerca e innovazione sono obiettivi da sempre sostenuti da Myrtha Pools. Nel tempo, hanno portato al raggiungimento di importanti risultati.

 

La ricerca e l’innovazione sono all’ordine del giorno e riguardano non solo il prodotto finale e tutti i suoi accessori ma anche tutto ciò che riguarda i processi aziendali, i software, l’organizzazione e la formazione delle competenze aziendali che si devono muovere di pari passo con le esigenze di clienti, progettazione e mercati sempre in continua evoluzione.

Fluidodinamica Computazionale (CFD)

Tra questi lo studio della Fluidodinamica Computazionale (CFD) nell’ambito delle piscine, nata da ricerche condotte da Myrtha Pools insieme all’Università di Brescia e poi divenuta una realtà aziendale, al fine di prevedere e ottimizzare la circolazione dell’acqua in una piscina prima della sua progettazione, per garantire ottime prestazioni senza interferire sulle attività dei nuotatori. Uno strumento particolarmente utile, specie in caso di piscine a forma libera dalle geometrie complesse, dove l’esperienza del progettista non è sufficiente.

Biofilm

Un’altra importante iniziativa di ricerca e sviluppo, condotta da Myrtha Pools con l’Università di Roma, ha analizzato le conseguenze, dal punto di vista igienico sanitario, dell’uso dei diversi materiali nella realizzazione di una piscina. Un’analisi da cui è emerso che i pannelli utilizzati nelle strutture Myrtha, rivestiti con PVC di colore bianco, risultano resistere maggiormente alla formazione di biofilm rispetto ai tradizionali sistemi con piastrelle e fugante e anche rispetto all’acciaio inossidabile saldato.

Parete sdoppiabile

La struttura, realizzata in Acciaio Inox, o composito di vetroresina e carbonio, viene fatta scorrere attraverso la vasca su un binario inserito nella pavimentazione esterna. Il movimento si ottiene tramite due volani in Acciaio Inox posizionati alle estremità del ponte e collegati al sistema di scorrimento tramite un meccanismo “demoltiplicatore” a doppia catena.

Contattaci


This field is required
This field is required

Insert a valid address
This field is required

Insert a valid zip code
This field is required
Write your message here
This field is required

Sended!!